ROSMARINO
Rosmarinus Officinalis l.
Un po’ di botanica

Il rosmarino è una bellissima pianta che si presenta come piccolo arbusto, di altezza e larghezza alquanto variabili in relazione al fenotipo ed alle condizioni ambientale nelle quali vegeta. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae (già Labiate) e numerose sono le varietà, presenti un po’ in tutti i continenti, che rappresentano questa specie botanica. La nostra Società ha isolato e coltiva due particolari fenotipi: Rosmarinus Officinalis Erectus e Rosmarinus Officinalis Albiflorus. Entrambe le specie si presentano con rami eretti, bruni tendenti al rossastro nei giovani rami della varietà erectus; grigi nell’albiflorus. Le foglie son opposte, lineari, sessili di colore verde cupo e brillante nella pagina superiore e tomentose nella pagina inferiore e ricche ghiandole (peli ghiandolari) oleifere. I fiori sono presenti in verticilli dimeri, con calice tipico delle Labiate ed in entrambe le specie si presentano per buona parte della lunghezza dei rami formando una specie di spiga. Sono bianchi nella varietà albiflorus ed azzurri nella varietà erectus. Il frutto è un tetrachenio

Origine - Aggius – Rosmarinus Officinalis erectus – Rosmarinus Officinalis Albiflorus - Fenotipi coltivato presso la Tenuta di San Sebastiano.
Parti utilizzate - Giovani rami fioriti, foglie, fiori

Le tecniche di estrazione
Buona parte delle sommità fiorite raccolta a mano e ancora fresca viene sottoposta a distillazione in corrente di vapore perché operazione abbastanza semplice e dalla quale si ottengono due ottimi prodotti:
un olio essenziale ed un idrolato chiamato anche acqua aromatica.
Una parte ulteriore, in relazione alla destinazione commerciale dell’estratto, viene sottoposta all’azione di solventi quali l’alcol etilico, gli oli vegetali, l’esano ed il biossido di carbonio.
Si ottengono, in tal modo, le tinture idroalcoliche, gli alcolati, gli estratti oleosi e le concrete dalle quali, per distillazione, si ottengono le assolute. Queste ultime ricordano perfettamente l’originale profumo della pianta.

Principi attivi
L’essenza si presenta come liquido quasi incolore o di un leggero colore paglierino di odore intenso, acuto, penetrante ma gradevole che nella varietà erectus ricorda il cineolo e nel’albiflorus gli esteri del borneolo. Predominano i derivati terpenici quali l’a- pinene, il canfene, il borneolo, il verbenone, il limonene, l’acetato di bornile, la canfora e numerosi altri componenti.; non alta la percentuale di canfora presente.
Altri componenti presenti nella pianta sono gli acidi fenolici quali l’acido rosmarinico, l’acido clorogenico e l’acido caffeico; flavonoidi tra i quali la luteolina, l’apigenina ed altri. alcuni triterpeni come l’acido ursolico e l’acido oleanoico.

Ingredienti:
Rosmarinus Officinalis L. water. (idrolato di rosmarino ottenuto per distillazione in corrente di vapore dei rametti di rosmarinus officinalis). INCI EU- USA.
Prodotto da agricoltura biologica. Non contiene sostanze aggiunte o conservanti.
Tenere fuori della portata dei bambini. Conservare in luogo fresco. Non disperdere il contenitore nell’ambiente dopo l’uso.

PRODUZIONE

Olio essenziale di rosmarinus officinalis
Scheda curata dal Dott. Giuseppe Cioni

L'olio essenziale di rosmarino presenta svariate proprietà salutistiche prevedendone, di conseguenza, un suo utilizzo in numerose formulazioni cosmetiche ed anche officinali; possiede infatti numerose proprietà quali, ad esempio, antinfiammatorie, antiossidanti, antibatteriche, rivitalizzanti, revulsive, toniche, antispasmodiche, diuretiche, rubefacenti, carminative, coleretiche nonché digestive e condimentarie.

Flacone da:
10 ml. - 25 ml. - 50 ml. - 100 ml.

Lotto n. 1410301
Uso esterno

 

PRODUZIONE

Idrolato di rosmarino
Scheda curata dal Dott. Giuseppe Cioni

 

L'IDROLATO è l'acqua ottenuta dalla condensazione del vapore che, durante il processo della distillazione nell’attraversare la massa vegetale, si impregna di tutti i principi idrosolubili della pianta ed anche di una modesta quantità di olio essenziale (ca 1%).
Un vero aiuto per la pelle, dimostrando infatti ottime proprietà idratanti, purificanti, stimolanti, rivitalizzanti; l’idrolato è purissimo, analcolico e non contiene ne sostanze conservanti, ne coloranti.

Flacone da:
100 ml. - 200 ml. - 250 ml.

Lotto n. 1410301
Uso esterno
LISTINO PREZZI:
Olio Essenziale
in flaconi di vetro
10 ml
25 ml
50 ml
100 ml
€. 12,00
€. 30,00
€. 60,00
€. 120,00
LISTINO PREZZI:
Idrolato in flaconi PE-HD con vaporizzatore spay
100 ml
200 ml
250 ml
€. 5,00
€. 10,00
€. 12,00
   

ISTRUZIONI PER L’ USO

Come antidolorifico in caso di contusioni, mialgie, dolori reumatici, torcicollo. Massaggiare o frizionare la parte dolorante utilizzando oleolito di rosmarino oppure preparare un olio per massaggi aggiungendo cinque gocce di olio essenziale di rosmarino ad un cucchiaio di olio di oliva o di mandorle dolci.
Come antibatterico – nelle malattie infettive ( a scopo profilattico con fumigazioni ottenute bruciando piccole quantità di foglie essiccate di rosmarino nel locale da sottoporre a profilassi antibatterica o ancora irrorando con acqua di rosmarino il locale o le parti per le quali si richieda azione antibatterica)
Per la sua azione rivitalizzante Aggiungere qualche goccia di olio essenziale all’acqua del bagno in caso stanchezza psicofisica.








Le informazioni ed i consigli presenti in questo sito non devono sostituirsi, in alcun modo, al parere ed alle prescrizioni farmacologiche del medico curante.

ISTRUZIONI PER L’ USO

Applicare sulla pelle servendosi di una garzetta o di un panno o direttamente della bomboletta spray spruzzando sulla parte o parti interessate. Le indicazioni sono le stesse riportate per l’olio essenziale. In aggiunta si citano le applicazioni:
Come rivitalizzante di pelli stanche e stressate: bagnare o spruzzare abbondantemente le parti interessate ( viso, collo etc). Famosa l’acqua della Regina d’Ungheria (alcuni ritengono si tratti dell’idrolato di rosmarino, altri autori ritengono si tratti di alcolato).
Per la cura dei capelli - Nei casi di capelli grassi e con forfora frizionare il cuoio capelluto con circa venti millilitri di idrolato di rosmarino prima dello shampoo. Lasciare in attività per almeno 15 minuti.
Utilizzato nelle infestazioni da parassiti specie per debellare i pidocchi e le relative uova: bagnare abbondantemente i capelli ed il cuoio capelluto accompagnando il trattamento con energiche frizioni: lasciare in attività per almeno venti minuti.
Le Controindicazioni: Non utilizzare i preparati a base di rosmarino nei casi di ipersensibilità conclamata per il prodotto o per uno più componenti presenti nel preparato. Da non utilizzare in gravidanza.
Tossicità – Riconosciuto come non tossico.

Le informazioni ed i consigli presenti in questo sito non devono sostituirsi, in alcun modo, al parere ed alle prescrizioni farmacologiche del medico curante.

BIBLIOGRAFIA
• G.Fenaroli – Le Sostanze Aromatiche Naturali Vol. Primo - Editore Ulrico Hoepli Milano
• M. Rossi - Tinture Madri in fitoterapia – Studio Edizioni
• A.D. Atzei O.F.M. – Le piante nella tradizione popolare della Sardegna . Carlo Delfino Editore.
• Manuale delle preparazioni galeniche- Franco Bettiol. Tecniche Nuove
• www.wikipedia.org

www.lcbioessenze.it Email: info@lcbioessenze.it gpleoni@tiscali.it PEC: lcbioessenze@pec.it

L&C BIOESSENZE S.r.l. • Zona insdustriale - Via TARRABAU, 1 • 07020 AGGIUS (OT) • Cell. 320.4315704 • P.Iva:02514960901